Link sponsorizzati

Calendario eventi

Last month October 2017 Next month
M T W T F S S
week 39 1
week 40 2 3 4 5 6 7 8
week 41 9 10 11 12 13 14 15
week 42 16 17 18 19 20 21 22
week 43 23 24 25 26 27 28 29
week 44 30 31

Newsletter

Iscriviti alla newsletter settimanale gratuita del portale

Nome:

Email:



Gite in montagna
Gita al Laghetto Spigorel

Una bella passeggiata per tutta la famiglia è quella che ci porta al laghetto Spigorel, in alta val Seriana.

Come base di partenza scegliamo Tezzi Alti, frazione molto bella posta in una panoramica posizione sopra il paese di Gandellino (seguire le indicazioni svoltando a destra dalla strada provinciale, dopo essere entrati in Gandellino).

Alla fine della strada si trova un piccolo posteggio dove lasciamo l'auto.
Qui comincia il sentiero 309, quello che seguiremo fino ad arrivare alla meta della nostra gita.
Prendiamo il sentiero che sale da subito in modo deciso snodandosi in un bel bosco di abeti (e qualche faggio qua e là) dove dopo circa mezzora di cammino incrociamo la bella cappelletta dedicata a San Carlo (1163 m).

 
Gita alla chiesetta di San Defendente a Solto Collina

La chiesa di SAN DEFENDENTE a Solto Collina, più precisamente dislocata nella frazione di Esmate, è una bellissima costruzione religiosa risalente agli anni tra la fine del 1500 e l'inizio del 1600, famosa per la sua invidiabile posizione che regala ai visitatori una vista spettacolare su lago d'Iseo, Cima Trentapassi Montisola e l'inizio della Val Camonica (e in lontananza le vette dell'Adamello).

La chiesa può anche essere la meta di una facile escursione familiare, le possibilità di arrivarci sono molteplici.

La più facile è probabilmente quella di arrivare fino ad Esmate in auto per poi parcheggiare nei pressi di un cimitero e tornare di un centinaio di metri sui propri passi, laddove una stradina scende sulla sinistra arrivando fino alla nostra meta.
In questo caso si tratta di una facile passeggiata di 15-20 minuti, tutti su strada sterrata e riparati dal bosco.

 
Gita al Monte Linzone dalla Roncola

La nostra passeggiata verso la cima del Monte Linzone prende il via dal parcheggio posto a ridosso del cimitero della Roncola, in cima a Cà Gardinelli, la strada che sale di fronte alla chiesa che vediamo appena arrivati in paese.

Lasciata la macchina troviamo senza fatica le indicazioni per il sentiero 571, durata prevista del cammino circa 1 ora e mezza.

La rocciosa mulattiera iniziale si inerpica decisa per qualche decina di metri, facendoci subito "rompere il fiato" e respirare l'aria frizzante del bosco.
Il tratto successivo all'interno del bosco è un falsopiano caratterizzato dall'abbondanza di deliziosi e profumati ciclamini (NON raccoglieteli!), non appena usciamo dal bosco possiamo già ammirare un panorama mozzafiato che spazia dai colli a est (inizio della Val Seriana) fino a Bergamo Alta, la bassa bergamasca e il milanese, con i gratticieli ben in vista nelle giornate di cielo pulito.
Sempre nelle giornate più limpide si scorgono già in lontananza le cime ondulate degli appennini.
Una meraviglia per gli occhi.

 
Gita al rifugio Calvi in Val Brembana

La zona del rifugio Calvi è senza dubbio una delle più belle di tutte le Orobie, una conca circondata da montagne di rara bellezza come il Pizzo del Diavolo e del Diavolino, il Grabiasca, il Ca' Bianca, il Madonnino, e zona di transito o luogo di partenza per bellissime (ed impegnative) camminate verso i laghi Gemelli, il rifugio Brunone, il Passo Portula ed altri ancora.

Partiamo da Carona parcheggiando l'auto poco sopra il paese, salendo la strada che sale a sinistra del cimitero. Attenzione: serve acquistare un gratta e sosta che attualmente (2017) costa 2 euro e vale per l'intera giornata. Il ticket è acquistabile presso il bar presente nella piazzetta di Carona.

Il sentiero CAI 210 parte subito in salita verso la prima tappa intermedia rappresentata dal borgo storico di Pagliari (1314m), un piccolo paesino che negli ultimi anni è andato via via ripopolandosi nella stazione estiva e che è di una bellezza unica con tutte le sue abitazioni costruite con i sassi del fondovalle.

 
Escursione al Monte Misma

Si possono fare delle belle camminate assieme ai propri figli anche senza muoversi per chilometri all'interno delle nostre valli, e l'escursione alla vetta del monte Misma ne è la testimonianza pratica.

Il Misma è una delle montagne più vicine alla città di Bergamo.
Diversi sono i sentieri per raggiungere la vetta, in questo post trovate i dettagli relativi al percorso che si snoda da Cenate Sopra, dalla località Sant'Ambrogio.

Si arriva con l'auto fino alla chiesetta di Sant'Ambrogio, sita nell'omonimo borgo di Cenate Sopra. Seguire le indicazioni per via Sant'Ambrogio fino ad arrivare alla chiesa, a fianco della quale sono disponibili diversi parcheggi.
Lasciata l'auto si continua a piedi lungo la strada, in direzione dell'Agriturismo Tenuta Maria. Raggiunto l'agriturismo imbocchiamo la ripida strada di cemento che troviamo sulla destra della tenuta.
La lunga e ripida (30% di pendenza!) lingua di cemento si conclude all'imbocco del sentiero che porta alla Chiesetta di Santa Maria del Misma, prima tappa verso la vetta del monte Misma.

 
Gita al rifugio Capanna 2000

Capanna 2000 rappresenta una meta di facile accesso anche con bambini molto piccoli ma inclini a camminare per sentieri di montagna.
La relativa brevità e facilità del percorso rendono questa meta molto frequentata dalle famiglie con bambini piccoli, anche per gli ampi spazi a disposizione attorno al rifugio.

Ma andiamo con ordine.
Il rifugio Capanna 2000 è raggiungibile da Zambla alta, con diverse opzioni: per chi ama fare una bella camminata si può partire dal paese di Zambla, chi invece vuole accorciare il percorso ha la possibilità di arrivare in auto fino a quasi quota 1600 metri, dove termina la strada.

Da qui parte il sentiero con segnavia 221.
Il sentiero è ben segnato e piuttosto semplice per camminatori di tutte le età, in circa un'ora di tranquilla camminata si giunge al rifugio Capanna 2000, a quota 1960m.

 
In montagna con i bambini - idee per passeggiate in montagna con aspiranti escursionisti

In montagna con i bambini di Roberto Cremaschi è una pratica guida per quei genitori che vogliono avvicinare i propri figli alla passione per la montagna ma... non sanno da che parte cominciare!

La guida si rivolge a papà e mamme di bambini "aspiranti escursionisti" di età compresa tra i 3 e gli 8 anni e giunge alla sua terza edizione in una veste rinnovata, sia nella forma che nella grafica oltre che in parte anche nei contenuti.

La prima piacevole sorpresa è proprio nel formato: più grande e maneggevole delle precedenti, offre a mio avviso una praticità di consultazione migliore rispetto alle versioni precedenti (per lo meno a quella che aveva acquistato il sottoscritto!).

La grafica è più curata e i contenuti sono suddivisi, oltre che per dislocazione geografica tra le varie valli che compongono le nostre montagne (Seriana, Brembana, di Scalve...) anche per grado di difficoltà, simpaticamente rappresentato dal numero di scarponcini.
Non mancano anche escursioni sui colli negli immediati dintorni della città, posti questi solitamente conosciuti solo dagli abitanti dei paesi più vicini ma non per questo meno meritevoli di essere percorsi coi propri figli.

 
Gita al rifugio dei laghi Gemelli

Qualcuno la ritiene una gita non adatta ai bambini, e tutto sommato questo commento è condivisibile a seconda del percorso che si vuole intraprendere per arrivare al rifugio dei Laghi Gemelli, a 1968 metri di quota.
Resta il dato di fatto che quando si va ai Laghi Gemelli, di bambini (anche di età attorno ai 5-6 anni) se ne vedono sempre. E non pochi.

Ma andiamo con ordine.

Per raggiungere il rifugio dei laghi Gemelli ci sono almeno 3 punti di partenza: Carona, tramite il sentiero CAI  211, dal rifugio Alpe Corte lungo il sentiero CAI 216 ed infine dalle Baite di Mezzeno, in questo caso seguendo le indicazioni del segnavia 215.
Mi sento di consigliare quest'ultima opzione sia per la non eccessiva lunghezza del percorso (all'incirca 2 ore), sia per la relativa semplicità e per la bellezza panoramica del percorso stesso.

Il punto di partenza è quello delle baite di Mezzeno, a quota 1600 metri circa. Per arrivarci bisogna raggiungere e superare Roncobello dirigendosi nella frazione di Capovalle, quindi seguire le indicazioni per le baite di Mezzeno.

 
Gita al rifugio Curò e al lago naturale del Barbellino

Una gita "classica" da fare assieme ai propri figli per andare per rifugi è sicuramente l'escursione al rifugio Curò, sopra Valbondione.

Una bella e facile camminata che non presenta punti critici o difficili se non nell'ultimissimo tratto rappresentato dal passaggio nel percorso scavato nella roccia del monte Verme, appena prima di giungere al rifugio Curò e al suo bacino artificiale.

Ma andiamo con ordine.

Lasciamo l'auto in uno dei parcheggi di Valbondione, che raggiungiamo risalendo lungo tutta la Val Seriana. Come parcheggio consiglio quello nella zona del Palazzetto dello Sport, poichè da lì è facile imboccare subito la strada che porta all'inizio del percorso.

Il sentiero che dovremo seguire è il 305: la prima parte è tutta immersa nel bosco quindi, se partiamo la mattina presto, è bene coprirsi per non soffrire il freddo.
Il sentiero è molto largo e risale senza particolare pendenze fino ad arrivare alla teleferica che trasposta i viveri al rifugio. Questo è anche il punto oltre il quale non possono andare i fuoristrada perchè il sentiero comincia a restringersi.

 
« InizioPrec.1234Succ.Fine »

Pagina 1 di 4

Riviera dei Bambini

Banner

Bimbi e casa abbigliamento e biancheria

Abbigliamento per bambini...
Banner
...qualità e convenienza per le famiglie

Link sponsorizzati

Per la tua pubblicità

Banner
Informativa sull'uso dei cookie Privacy Policy

Licenza Creative Commons
Bambini a Bergamo by www.bambiniabergamo.it is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.bambiniabergamo.it.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information