Link sponsorizzati

Calendario eventi

Last month May 2013 Next month
M T W T F S S
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31

Newsletter

Iscriviti alla newsletter settimanale gratuita del portale

Nome:

Email:



Domanda e risposta sulle minacce del figlio

Problemi coi figliUna mamma preoccupata perchè il figlio minaccia di farsi del male per vendicarsi di alcuni rimproveri ricevuti.
Ecco come risponde il professor Mangani.

Domanda:

Ho un bambino di 6 anni e mezzo che va in prima elementare. Ultimamente avendogli vietato di fare qualcosa ha reagito dicendo che si sarebbe buttato dalla finestra e che in questo modo io avrei pianto.
Dopo essersi comportato cosi' in due occasioni, la terza volta mi ha detto che avrebbe fatto qualcosa, quindi si e' avvicinato alla finestra e ha preso in mano la maniglia per aprirla ma non l'ha fatto.
Devo preoccuparmi?
Grazie

Risposta:


Gentile signora, io non mi preoccuperei più di tanto per il comportamento di suo figlio ma lo interpreterei piuttosto come un segnale di richiesta di attenzione.
La prima elementare costitusce un passaggio estremamente delicato per i bambini ed è più che naturale che a questo punto dell'anno, quando la stanchezza inizia a farsi sentire, possano comparire comportamenti che, come genitori, ci mettono in ansia.

Nello specifico suo figlio ha capito che con quella frase riesce a metterla in difficoltà e quindi, ogni volta che vuole ottenere qualcosa o che viene sgridato, la reitera.
La cosa migliore da fare in questi casi è cercare di ignorarlo e, qualora facesse il gesto di aprire la finestra, continuare a mostrarsi tranquilli (ovviamente tenendolo d'occhio).
Nel giro di poco tempo il comportamento dovrebbe cessare (solo se alle eventuali richieste accompagnate dalla frase non viene dato alcun seguito).

Come ulteriore consiglio, ne parlerei anche con le maestre per sapere se a scuola il suo bambino ha lo stesso comportamento e se viene manifestato anche da altri compagni.
Contestualmente sarebbe opportuno ritagliare dei momenti in cui svolgere un'attività "esclusiva", soltanto lei e suo figlio.
Tale attività, che può essere un gioco, la lettura di una storia, una passeggiata, dovrebbe avvenire regolarmente con cadenza quotidiana e dovrebbe essere un pretesto per parlare con lui di eventuali ansie o paure che lo affliggono.

Rimango a sua disposizione per eventuali altri chiarimenti
Cordiali saluti
Massimo Mangani

 

Link sponsorizzati

Per la tua pubblicità

Banner

Bimbi e casa abbigliamento e biancheria

Abbigliamento per bambini...
Banner
...qualità e convenienza per le famiglie
Informativa sull'uso dei cookie Privacy Policy

Licenza Creative Commons
Bambini a Bergamo by www.bambiniabergamo.it is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.bambiniabergamo.it.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information